Muffin ai mirtilli

La ricetta di questi muffin viene dagli Stati Uniti, dritta dritta dalla piccola cucina sul lago della mia amica Lucie. Me la immagino, a guardare fuori dalla finestra, con in mano un cucchiaio di legno che mescola i muffin. La sua è una cucina semplice, materna e familiare, una coccola. Oggi la chiamiamo “comfort food”.

Ho pensato che non ci sia niente di meglio di questa coccola per iniziare la mattina di San Valentino. Puoi prepararli il giorno prima, e sorprendere il tuo amore portandogli la colazione a letto.

Sofficissimi e buoni, si fanno in 5 minuti senza bisogno di mixer o planetarie, basteranno due ciotole e un cucchiaio di legno. Anzi, meno si mescola l’impasto, meglio è!

Muffin ai mirtilli

Ingredienti

dosi per 12 muffin

225 g di farina 00

170 g di zucchero

un pizzico di sale

mezza bustina di lievito per dolci (8 g)

75 g di olio di semi (per me di girasole)

1 uovo

80 ml di latte (per me di soia)

125 g di mirtilli

Preparazione

Scalda il forno statico a 170°.

In una ciotola mescola gli ingredienti secchi: la farina, la zucchero, il lievito e il pizzico di sale. In un’altra fai lo stesso con quelli liquidi: l’uovo sbattuto, l’olio e il latte. Unisci gli ingredienti secchi a quelli liquidi e mescola velocemente. Il segreto per ottenere dei muffin leggeri e morbidi è quello di non mescolare il composto più del necessario: appena vedi che gli ingredienti sono ben amalgamati, fermati.

Aggiungi i mirtilli lavati e asciugati, mescola nuovamente e versa il composto nello stampo da muffin imburrato e infarinato, oppure nei pirottini di carta.

Cuoci in forno per 20/30 minuti, prima di sfornare fai la prova dello stecchino.

Note

  • Puoi sostituire i mirtilli con lamponi, gocce di cioccolato, mela a pezzetti o quello che ti suggerisce la fantasia!
  • Si conservano sotto una campana di vetro per qualche giorno.

Muffin ai mirtilli

Muffin ai mirtilli

Muffin ai mirtilli

A presto!

Firma Giulia

0
Share
Ricetta torta di carote e mandorle

Con il freddo che diventa sempre più pungente la mia golosità cresce. Hai presente quella voglia di dolce che ti prende all’improvviso? Non la mattina, non dopo pasto, ma la sera, circa un’oretta dopo cena, quando si è già accoccolati sul divano, con un plaid morbido e un gatto caldo sulla pancia. Ecco che allora arriva il momento di una coccola, un dolcino per chiudere in bellezza un’altra giornata.

La torta di carote e mandorle a dir la verità è ottima un po’ per ogni occasione: a colazione, nutriente ma allo stesso tempo leggera, è perfetta per partire con l’energia giusta; come accompagnamento del tè delle cinque, umida e compatta, è buonissima inzuppata; come coccola della buona notte, non appesantisce ma è sfiziosissima.

Ricetta torta di carote e mandorle

Ingredienti

dosi per due piccoli stampi da plumcake o uno stampo da torta di 22 cm di diametro

200 g di farina 00

100 g di farina di mandorle (o di mandorle intere)

mezza bustina di lievito per dolci

2 uova

200 g di zucchero

250 g di carote

60 ml di olio di semi (per me di girasole)

80 ml di succo ACE

1 pizzico di sale

Preparazione

Scalda il forno statico a 180 gradi.

Se non ha la farina di mandorle, frulla le mandorle nel mixer con un cucchiaio di zucchero preso dai 200 g totali fino a ottenere una farina. A me piace che non sia troppo fine perché amo la croccantezza che lasciano i pezzettini di mandorle.

Sempre nel mixer frulla anche le carote pulite e tagliate a pezzettini, aggiungi l’olio e il succo e frulla fino a ottenere una crema.

In una ciotola monta lo zucchero con le uova fino a farle diventare spumose, ci vorranno circa 5 minuti. Aggiungi la farina 00, la farina di mandorle, il lievito, il pizzico di sale e mescola.

Ora aggiungi anche il composto di carote e amalgama il tutto.

Versa nella teglia imburrata e infarinata e cuoci per circa 40 minuti. Prima di sfornare fai la prova stecchino.

Note

  • Se non hai il succo ACE, va bene anche l’acqua a temperatura ambiente.
  • Invece che nello stampo da torta, puoi usare tanti piccoli stampini. Otterrai dei dolcetti mono porzioni, perfetti anche come merenda per i bambini a scuola.

Ricetta torta di carote e mandorle Ricetta torta di carote e mandorle

A presto!

Firma Giulia

0
Share
Ricetta plumcake alle melanzane

Ah, quanto mi piacciono i plumcake salati… Velocissimi da fare e perfetti svuotafrigo, vengono buoni qualsiasi cosa ci si metta dentro e mi fanno fare sempre bella figura quando ho ospiti a cena. Ottimo da servire come aperitivo, puoi anche creare delle monoporzioni usando gli stampini da muffin. Oppure come piatto unico, magari portandolo in ufficio. O ancora come base super sfiziosa per panini gourmet: provalo tagliato a fette e farcito con un buon formaggio semi stagionato.

Questo con le melanzane e i pomodorini secchi è un inno all’estate. Grazie alla purea di melanzane nell’impasto, diventa morbidissimo. Ottima idea anche per far mangiare la verdura a chi non la ama… Eccoti la ricetta semplicissima.

Ricetta plumcake alle melanzane

Ingredienti

dosi per uno stampo da plumcake di 25 cm

200 g di farina 00

1 bustina di lievito istantaneo per torte salate (16 g)

2 uova

100 ml di latte (per me di soia)

70 ml di olio di semi (per me di girasole)

2/3 melanzane medie (500 g)

100 g di Parmigiano Reggiano grattugiato

Sale e pepe q.b.

Preparazione

Preriscalda il forno statico a 180 gradi.

Lava le melanzane senza togliere il picciolo. Asciugale e bucherellale con una forchetta. Cuocile intere nel microonde alla massima potenza per 5/10 minuti (il tempo dipende dalla potenza del tuo microonde). Capisci che sono cotte quando la forchetta affonda bene e la superficie ha cambiato colore.

Tagliale a metà e con un cucchiaio scava tutta la polpa. Lascia da parte le bucce. Frulla la polpa nel mixer per ottenere una purea.

Trita grossolanamente i pomodorini secchi. Se usi quelli sott’olio, prima sgocciolali. Se usi invece quelli secchi, falli prima rinvenire in un po’ d’acqua tiepida e strizzali.

Prepara ora l’impasto del plumcake: sbatti le uova, aggiungi la farina, il lievito, il latte, il formaggio, i pezzetti di pomodori secchi e la purea di melanzane. Regola di sale e di pepe e versa nello stampo da plumcake imburrato e infarinato.

Cuoci in forno statico per circa 45 minuti, fai la prova dello stecchino prima di sfornarlo.

Puoi usare le bucce delle melanzane per decorare il tuo plumcake: ricavane tante striscioline sottili e friggile in olio bollente. Otterrai delle chips croccantissime.

Note

  • Per renderlo ancora più saporito puoi usare 50 g di Parmigiano Reggiano e 50 di pecorino.
  • Come tutti i plumcake, è più buono tiepido e il giorno dopo, se riuscirai a resistere…
  • Se non hai il microonde, cuoci le melanzane intere in forno a 220 gradi avvolte nella stagnola.
  • Prova anche la versione invernale: plumcake salato alla zucca, amaretti e pancetta.

Ricetta plumcake alle melanzane

A presto!

Firma Giulia

0
Share
Ricetta plumcake allo yogurt e pere

L’altro giorno volevo fare un dolce per la colazione, ma aprendo il frigo non ho trovato altro che qualche uova, due pere e due yogurt. Mi è subito tornata in mente una delle primissime torte che ho imparato a preparare da bambina, anzi, sicuramente il plumcake è stata la prima ricetta in assoluto con la quale mi sono avvicinata al magico mondo della cucina. Ai tempi non si chiamava plumcake ma semplicemente “torta allo yogurt” e si faceva senza pesare nulla, usando solo il vasetto vuoto dello yogurt come unità di misura.

Ho rispolverato questa semplicissima ricetta dal mio quadernino e voilà! Una ricetta velocissima e facile per un dolce perfetto per la colazione o la merenda, morbido e umido come piace a me, che si fa sporcando solo una ciotola!

Ricetta plumcake allo yogurt e pere

Ingredienti

dosi per uno stampo da plumcake da 30 cm

1 vasetto di yogurt alle pere

2 uova

1 vasetto di olio di semi di girasole

2 vasetti di farina 00

1 vasetto di maizena

2 vasetti di zucchero

1 bustina di lievito per dolci

1 pera

un pizzico di sale

Preparazione

Riscalda il forno statico a 170°.

In una ciotola unisci mescolando bene le uova leggermente sbattute, lo yogurt e l’olio.

Ora aggiungi la farina, la maizena, lo zucchero, il lievito e il pizzico di sale. Amalgama bene con una frusta o nel mixer fino a quando il composto sarà uniforme e senza grumi.

Sbuccia e pulisci la pera, tagliala a cubetti e infarinali leggermente, così che una volta aggiunti al composto non affondino.

Versa l’impasto nello stampo da plumcake imburrato e infarinato. Cuoci in forno per almeno 45 minuti, prima di sfornare fai sempre la prova stecchino, che deve uscire asciutto.

Note

  • Lo yogurt può essere anche di soia, così avrai un dolce totalmente privo di lattosio.
  • Per una variante ancora più golosa, puoi aggiungere delle gocce di cioccolato, stanno benissimo con le pere!
  • Se non hai lo yogurt alle pere, puoi usare qualsiasi altro gusto, anche quello al naturale. Ovviamente puoi poi decidere di omettere la frutta a pezzetti o di abbinarla al gusto di yogurt che preferisci. Una variante che adoro è con lo yogurt alle fragole e le fragole intere nell’impasto!
  • Il plumcake si conserva morbido e fragrante fino a una settimana sotto una cupola di vetro.

Ricetta plumcake allo yogurt e pere

A presto!

Firma Giulia

 

0
Share
Ricetta biscotti pere e cioccolato | Where Pretty Happens

Quando la domenica piove o siamo assaliti dallo sconforto per l’avvicinarsi implacabile del lunedì, cosa c’è di meglio da fare che preparare i biscotti?

Credo che ci sia qualcosa di terapeutico nell’affondare le mani in un impasto e nel vedere che qualcosa sta nascendo da ingredienti semplici come zucchero, uova e farina. Poi i biscotti sono divertenti da fare con i bambini, questi ancora di più!

I fagottini pere e cioccolato non sono è una ricetta che si fa in 10 minuti, confezionare tutti questi fagottini è un esercizio zen abbastanza impegnativo. Ma questa sequenza di “taglia – farcisci – chiudi” ti farà riconciliare col mondo e, perché no, anche con il lunedì. Sapere che a colazione ti aspetta qualcosa di buono rende più dolce qualsiasi sveglia, no?

Ricetta biscotti pere e cioccolato | Where Pretty Happens

Ingredienti

dosi per circa 20 biscotti

per la pasta frolla:

70 grammi di burro freddo a cubetti

100 grammi di zucchero di canna

1 uovo

200 grammi di farina integrale

un pizzico di sale

8 grammi di bicarbonato di sodio

per il ripieno:

1 pera

20 grammi di pinoli

50 grammi di cioccolato fondente

una stecca di vaniglia

un cucchiaio di zucchero di canna

Preparazione

Nella planetaria o nel mixer o in una ciotola, sbatti il burro a cubetti insieme allo zucchero fino ad avere un composto chiaro e spumoso. Aggiungi l’uovo e mescola. Incorpora anche la farina setacciata insieme al sale e al bicarbonato. Impasta velocemente per non far scaldare l’impasto. Appena sta insieme, forma una palla e fai riposare in frigo per un’oretta, avvolta nella pellicola.

Ricetta biscotti pere e cioccolato | Where Pretty Happens

Riduci la pela pulita in piccoli cubetti e mescolala alle scaglie di cioccolato, ai pinoli, ai semi della stecca di vaniglia e allo zucchero.

Riscalda il forno statico a 180 gradi.

Stendi l’impasto in uno stato di circa 3 millimetri. Con una rotella tagliapasta, ricava dei quadrati di 9 centimetri per lato e dividi poi ogni quadrato in due triangoli.

Al centro di ogni triangolo, metti un cucchiaino abbondante di ripieno. Forma il fagottino sovrapponendo i due angoli  laterali. Lascia che il ripieno fuoriesca in parte dalla busta che avrai creato.

Ricetta biscotti pere e cioccolato | Where Pretty Happens

Cuoci in forno per circa 15 minuti.

Note

  • I fagottini si conservano fino a una settimana in un barattolo chiuso.
  • Puoi usare lo zucchero normale e la farina 00 se non ami il gusto integrale. Le dosi sono le stesse.
  • La ricetta viene dal libro “Profumo di biscotti” di Rossella Venezia.

 

Ricetta biscotti pere e cioccolato | Where Pretty Happens

A presto!

Firma Giulia

2
Share
Plumcake salato alla zucca

L’aperitivo e il suo cugino d’oltreoceano – il brunch, sono i miei momenti di convivialità culinaria preferiti. Al contrario di una cena placée, questi eventi che spesso sono in piedi, permettono di accogliere un numero maggiore di invitati, senza fare torto a nessuno, e aiutano ospiti che non si conoscono a interagire meglio tra loro, potendosi spostare per chiacchierare con chi più li aggrada.

L’ingrediente per un aperitivo o brunch indimenticabile è sicuramente la qualità e varietà del buffet, ci viene però in aiuto il fatto che la maggior parte di queste possono essere fredde e quindi preparate in anticipo. Perché alla fine, il vero ingrediente per il successo di qualsiasi evento che organizziamo, sia esso un the o una cena a 6 portate, è una padrona di casa rilassata che sorride e chiacchiera con i propri ospiti. Se ogni 2 minuti li pianteremo in asso per andare a controllare il forno, quello che ricorderanno maggiormente i nostri amici non saranno le 10 varietà diverse di vol au vent, ma una padrona di casa tesa e affaccendata.

Questo lungo preambolo per introdurre una ricetta davvero furba, dalla forma di dolce ma che dolce non è, che si presta ad infinite varianti e che piace sempre a tutti. Ecco il mio plumcake salato di zucca, amaretti e pancetta.

Plumcake salato alla zucca

Ingredienti

dosi per uno stampo da plumcake da 30 cm

500 g di zucca

3 uova

150 g di Parmigiano Reggiano grattugiato

70 g di olio di arachidi

100 ml di latte (per me di soia)

280 g di farina

75 g di pancetta affumicata a cubetti

20 g di amaretti

1 bustina di lievito per torte salate

sale e pepe

Preparazione

Riscalda il forno statico a 180°.

Tagli a pezzetti la zucca e insaporiscila con un trito di salvia e rosmarino. Cuocila a vapore, al forno oppure stufata in padella fino a quando non si riduce in purea.

Nel mixer mescola le uova, il Parmigiano, l’olio e il latte. Aggiungi la zucca e la farina setacciata insieme al lievito. Per ultimi, mescola all’impasto anche gli amaretti tritati e la pancetta. Aggiusta di sale e pepe.

Versa il tutto in uno stampo da plumcake imburrato e infarinato e cuoci in forno per almeno 50 minuti. Fai la prova dello stuzzicadenti prima di sfornare, deve uscire asciutto.

Note

  • Il gusto degli amaretti resta molto delicato, se ami il loro sapore puoi raddoppiare la dose. Per un gusto meno deciso o per una versione vegetariana puoi omettere la pancetta.
  • Questo plumcake è ottimo sia tiepido appena fatto sia a temperatura ambiente i giorni dopo. Anzi, c’è chi lo preferisce il giorno successivo proprio perché i sapori hanno il tempo di amalgamarsi meglio.
  • E’ un piatto furbissimo perché puoi farlo in anticipo. Si conserva tranquillamente per alcuni giorni, per preservare la sua umidità lascialo al riparo dall’aria.
  • Per un brunch o un aperitivo in piedi farai un’ottima figura servendolo sotto forma di piccoli sformatini mono porzione, usa lo stampo da muffin e vedrai che delizia!

Plumcake salato alla zucca

Plumcake salato alla zucca

Plumcake salato alla zucca

A presto!

Firma Giulia

0
Share
Torta di mele

Quando si pensa a “dolce” sono pronta a scommettere che la maggioranza di noi visualizza una torta di mele! Oggi lo chiamiamo comfort food, cibo che sa di casa, di nonna e di mamma, di tradizione, calore e coccola.

La torta di mele è il primo dolce che da bambina ho imparato a fare, facile e veloce, che piace sempre a tutti. Negli anni ne ho provate infinite varianti, ma quando ho voglia di un dolce morbido e leggero, perfetto per la colazione e la merenda, questo semplice impasto con le mele è sempre la soluzione.

L’ingrediente segreto per la sua incredibile morbidezza e leggerezza è l’acqua! Provare per credere!

Torta di mele

Ingredienti

dosi per uno stampo rotondo di 22 cm

3 mele grandi

3 uova

240 g di zucchero (per me di canna)

250 g di farina

130 g di acqua a temperatura ambiente

80 g di olio di semi di girasole

1 bustina di lievito per dolci (16 g)

Preparazione

Riscalda il forno statico a 170°.

Con le fruste elettriche monta le uova e lo zucchero per 5 minuti, devono diventare chiare e spumose.

Aggiungi alternando un po’ di farina setacciata insieme al lievito e un po’ di acqua, mescolando di continuo. Incorpora poi l’olio a filo.

Sbuccia le mele e tagliale a fette. Infarinale leggermente così che non affondino quando le unirai all’impasto.

Imburra e infarina lo stampo e versa metà dell’impasto. Disponi metà delle fette di mela e ricopri con l’altra metà dell’impasto. Ricopri con le mele rimaste.

Cuoci in forno per circa 50 minuti, controlla la cottura sempre con lo stuzzicadente. Lascia raffreddare prima di togliere dalla teglia.

Note

  • Se vuoi puoi aromatizzare a piacere: con la vaniglia o la cannella, con la scorza di limone, con un po’ di rum…
  • Questa torta resta umida e morbida per 4/5 giorni se la conservi al riparo dall’aria.
  • Grazie a Adelaide Melles, la pioniera del “ciambellone più soffice del mondo”!

Torta di meleTorta di meleTorta di mele

 

A presto!

Firma Giulia

1
Share
Banana bread

Eccomi con un’altra ricetta per colazioni buonissime ma leggere! Ho preparato questo dolce in una meravigliosa mattina di fine ottobre, con il sole ancora caldo e i colori dell’autunno che scaldano il cuore. Non ho resistito e ne ho subito assaggiata una fetta in terrazzo, impagabile la magia dell’ultimo sole e di un buon dolce.

Il banana bread è un dolce davvero furbo: permette di riciclare quelle banane nere che immancabilmente trovo in frigo che sarebbero altrimenti destinate alla spazzatura (e nota: più sono nere più il banana bread viene buono!), è sano perché contiene pochi grassi e si prepara in un attimo. Tutti gli ingredienti nella ciotola e via dritto in forno!

Sono proprio le banane l’ingrediente segreto che gli dona dolcezza ma soprattutto morbidezza. E’ una di quelle torte umide, ottima da mangiare inzuppata o da sola, che dura anche una settimana. Sembra un classico plumcake, ma svela un sapore delizioso che sorprende sempre tutti. Scommettiamo che nessuno riconosce l’ingrediente misterioso?

Io ne ho fatte due versioni: una con le noci e i cubetti di mela, una con le noci e le scaglie di cioccolato fondente. Questa ricetta è della mia collega Alessandra, super collaudata dalle amiche e conoscenti più svariate. Mi sbilancio nel dire che ha raggiunto la perfezione! Prova e vedrai!

Banana bread

Ingredienti

dosi per uno stampo da plumcake da 30 cm

2 1/2 cup di farina (225 g)

1 cup di zucchero bianco (225 g)

1/2 cup di zucchero di canna (90 g)

1 teaspoon di maizena (10 g)

1 pizzico di sale

2 uova

1 stick di burro (113 g)

3 banane molto mature

1 cup di latte (240 ml)

1 bustina di lievito per dolci

1 bustina di vanillina

Preparazione

Riscalda il forno statico a 180 gradi.

In una ciotola mescola la farina, lo zucchero bianco, lo zucchero di canna e un pizzico di sale. In un’altra ciotola sbatti le uova con il burro sciolto e aggiungi le banane schiacciate e la maizena.

Unisci le polveri nel liquido. Sciogli il lievito e la vanillina nel latte tiepido e aggiungilo al composto.

Mescola con cura. A questo punto puoi aggiungere le noci sgusciate e tritate grossolanamente, le mele tagliate a cunette e infarinate così che non affondino nell’impasto, le scaglie di cioccolato fondente.

Versa l’impasto in uno stampo da plum cake imburrato e infarinato, e cuoci in forno statico a 180 gradi per un’ora. Dopo 45 minuti fai la prova stecchino perché la cottura varia molto da forno a forno.

Note

  • Una volta che l’impasto è pronto, per ultimi puoi aggiungere gli ingredienti che preferisci. Il banana bread è ottimo anche liscio, ma trovo che le noci e il cioccolato lo rendano ancora più sfizioso. Le mele sono un esperimento recente ma ci stanno davvero bene, lo rendono ancora più umido e leggero.
  • Si conserva una settimana in un contenitore per alimenti.
  • Puoi sostituire il latte con un latte vegetale (soia, mandorla, avena…) e il burro con l’olio di semi per rendere questo dolce privo di lattosio.

Banana bread

Banana bread

 

 

A presto!

Firma Giulia

0
Share